Ludovica Americano  Osteopata

Dopo avere frequentato il Liceo Scientifico “E. Majorana” di Rho, ho deciso di intraprendere il percorso di studi in Osteopatia.

Questo corso di 5 anni mi ha portato, nel 2016, al conseguimento del Diploma in Osteopatia (D.O.) presso il Take Care Istituto Osteopatico (TCIO) a Milano a seguito dell’esame di ammissione al Registro degli Osteopati d’Italia (M.R.O.I. 3131).

Durante i miei studi ho avuto il piacere di frequentare dei corsi per ampliare le mie conoscenze non solo osteopatiche:

  • Tensegrità fasciale e meccano-biologia (dott. Nicola Barsotti D.O.)
  • Interocezione e infiammazione neurogena (dott. Vincenzo Cozzolino D.O.)
  • Corso di psiconeuroendocrinologia PNEI (dott. Francesco Bottacioli D.O.)

Grazie al mio Istituto, ho avuto l’occasione di eseguire tirocinio pratico presso l’Hospice di Borgonovo Val Tidone (Pc), aiutando le persone ricoverate in questa struttura.

Ho avuto anche l’opportunità di eseguire tirocinio osservativo all’Ospedale Civile di Piacenza, nei reparti di Cardiologia, Pronto Soccorso, Pediatria, Radiologia e Chirurgia.

Presso il Poliambulatorio Take Care di Milano ho avuto la possibilità di svolgere tirocinio osservativo e pratico a livello osteopatico durante tutto il mio percorso di studi.

COS’È L’OSTEOPATIA

L’Osteopatia è una medicina non convenzionale riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e definita nel 2007 come una medicina basata sul contatto primario manuale nella fase di diagnosi e trattamento.

Il report 2012 della Osteopatich International Alliance la definisce come un sistema di cura che attraverso la valutazione, la diagnosi e il trattamento, può essere applicato ad una vasta varietà di condizioni cliniche, entrando a pieno titolo nel concetto di cura della salute supportato da conoscenze scientifiche.

L’Osteopatia si basa sul considerare l’essere umano come l’unità di corpo, mente e spirito. Ogni singola parte del corpo è in grado di interagire con l’insieme attraverso il movimento, cartina tornasole della qualità della vita e della salute. Attraverso la sua valutazione (analisi della postura e palpazione) è possibile individuare gli eventuali disturbi su cui intervenire attraverso tecniche manuali in grado di correggere i disequilibri e ripristinare le condizioni fisiologiche del movimento e quindi della salute.

Pur non utilizzando farmaci, rimedi naturali e strumenti medicali o elettromedicali, attraverso la manipolazione dei tessuti, un osteopata è in grado di innescare i processi di autoguarigione di cui è naturalmente dotato l’organismo.

I PRINCIPI DELL’OSTEOPATIA

Unità del corpo: come metodologia olistica (dal greco olos=tutto) l’osteopatia considera l’individuo nella sua globalità: ogni parte costituente la persona (psiche inclusa) è dipendente dalle altre e il corretto funzionamento di ognuna assicura quello dell’intera struttura, dunque l’equilibrio e il benessere.

Relazione tra struttura e funzione: Un corretto equilibrio tra struttura e funzione regala al nostro corpo una sensazione di benessere. Qualora tale equilibrio venga alterato (a causa di un trauma per esempio) si parla di disfunzione osteopatica, ossia di una restrizione di mobilità e perdita di movimento in una parte del nostro corpo (ossa, muscoli, organi, etc…).

Autoguarigione: in osteopatia non è il terapeuta che guarisce, ma il suo ruolo è quello di favorire la capacità innata del corpo ad auto curarsi.

TECNICHE OSTEOPATICHE

Il trattamento osteopatico può avvalersi di numerosi metodi e tecniche di trattamento. Gli osteopati le utilizzano indifferentemente in funzione delle necessità terapeutiche.

Una classificazione possibile è quella che fa riferimento a queste tre grandi famiglie:

  • Tecniche strutturali: sono definite tali poiché ristabiliscono la mobilità della struttura ossea. La specificità e la rapidità delle manipolazioni consente il recupero della mobilità articolare. Hanno una forte influenza neurologica, oltre che puramente meccanica, in quanto favoriscono l’emissione di corretti impulsi dalle e alle terminazioni della parte trattata.
  • Tecniche craniosacrali: agiscono sul movimento di congruenza fra le ossa del cranio e il sacro, ristabilendone il normale “meccanismo respiratorio primario”, ossia quella combinazione di parti ossee, legamentose, muscolari, e fasciali che consentono il riequilibrio e l’armonia delle funzioni craniosacrali. Con queste tecniche si agisce in particolare sulla vitalità dell’organismo, qualità fondamentale che permette agli esseri viventi di reagire con efficacia agli eventi di disturbo provenienti dall’ambiente esterno e da quello interno.
  • Tecniche viscerali: i visceri si muovono in modo specifico sotto l’influenza della pressione diaframmatica, questa dinamica viscerale può essere modificata (restrizione di mobilità) o scomparire. Applicando una tecnica specifica, l’osteopatia permette all’organo di trovare la sua fisiologia naturale ed i disordini legati alla restrizione di mobilità saranno così corretti. Inoltre esiste da un punto di vista anatomico e funzionale una relazione tra i visceri e la struttura muscolo-scheletrica; una cattiva funzione della struttura (colonna vertebrale), può influenzare uno o più visceri e viceversa. Si possono trovare, in persone che soffrono di mal di schiena, problemi di mobilità del fegato, del colon, del rene o dell’utero. Il trattamento osteopatico mira, attraverso l’addome ed il diaframma, a ristabilire una buona mobilità viscerale.

OSTEOPATIA: COME PUO’ AIUTARTI ?

Poiché l’osteopati riequilibra le funzioni vitali e agisce con uno scopo curativo ma soprattutto preventivo, le indicazioni per un trattamento osteopatico sono molto ampie e indicate per tutte le fasce di età.

L’osteopatia non interviene nel recupero di mobilità persa in seguito a patologie neurologiche od ortopediche, traumi o interventi chirurgici, e non può quindi essere inserita tra gli interventi riabilitativi.

Qui di seguito un elenco di casi, tuttavia non esauriente, che possono esser oggetto di cure osteopatiche:

  • Sistema muscolo-scheletrico: cifosi, osteoporosi, epicondilite (“gomito del tennista”), dolori alle articolazioni, problemi a legamenti e rotula, problemi del menisco (non rotto), parestesie, spina calcaneare, fascite, spondilolistesi istmica, colpo di frusta, cuffia dei rotatori, periartrite scapolo-omerale, dolori costali o intercostali, lombalgie, dorsalgie, cervicalgie, pubalgie, tendiniti.
  • Sistema neurologico: mal di testa, sindrome del tunnel carpale, vertigini, cefalee, emicranie, neuropatologie, ernia del disco, nevralgie facciali, nevralgie cervico-brachiali, cruralgie, sciatiche.
  • Sistema neurovegetativo: fatica cronica, fibromialgia, senso di oppressione, turbe del sonno, irritabilità, stati depressivi, stati ansiosi, stress.
  • Sistema digestivo: reflusso gastroesofageo, costipazione, disordini funzionali delle vie digestive, colon irritabile, colite spastica, diarrea, turbe epato-vescicolare, turbe digestive, flautulenza, ernia iatale, pesantezza di stomaco, bruciore di stomaco, acidità gastrica, gastrite.
  • Sistema circolatorio: insufficienza cardiaca, insufficienza vertebrobasilare, problemi post-operatori cardiocircolatori, formicolio, problemi circolatori agli arti inferiori e superiori.
  • Sistema gineco-urinario: prostatite e dolore pelvico, dispaneuria (dolore durante i rapporti sessuali), irregolarità del ciclo mestruale, dismenorrea (dolori mestruali), dolori al basso bacino, incontinenza, cistiti.
  • Osteopatia e gravidanza: pavimento pelvico, dolori funzionali del piccolo bacino, cistite, sindrome post-parto
  • Osteopatia e ORL: otiti, polmonite, asma, BPCO, bronchite, problemi di deglutizione, patologie asmatiche, sinusite cronica, rinite.
  • Osteopatia e odontoiatria: disturbi ATM, malocclusioni
  • Osteopatia e pediatria: strabismo, asma, plagiocefalia, dolori addominali, occlusioni dentali, otiti, rigurgiti, coliche, scoliosi, problemi digestivi, disturbi del sonno.

Si riceve su appuntamento 3939907583

costo trattamento osteopatico 50€